Incontro di Natale con l’Arcivescovo

Incontro di Natale con l’Arcivescovo

Incontro di Natale con l’Arcivescovo 

La sera di venerdì 22 dicembre [2023] la comunità del Seminario Arcivescovile di Cagliari si è ritrovata per il consueto incontro di Natale alla presenza dell’Arcivescovo, S.E.R. Mons. Giuseppe Baturi. L’appuntamento è stata la seconda tappa per percorso formativo annuale sul tema delle relazioni. Aiutati dal testo di C.S. Lewis “I quattro amori”, i seminaristi si sono confrontati nello specifico sul mondo degli affetti, prendendo maggiore consapevolezza della complessità del tema.

Dopo una presentazione dei primi due capitoli, nella quale sono stati evidenziati gli elementi salienti della riflessione dell’autore in una prospettiva attualizzata, si è avviata la condivisione che si è focalizzata, tra gli altri aspetti, sulla distinzione tra l’amore inteso come bisogno e l’amore inteso come dono. Nel suo intervento, in chiusura di condivisione, l’Arcivescovo, ha voluto sottolineare l’importanza dell’esperienza personale nella condivisione e nella riflessione sui temi riguardanti gli affetti; Baturi ci ha tenuto a condividere i frutti del gruppo sinodale del carcere E. Scalas di Uta, che lo hanno molto rincuorato: i carcerati hanno costituito un gruppo di accoglienza per i nuovi detenuti e hanno voluto indirizzare una lettera al padre di Filippo Turetta, noto per l’omicidio di Giulia Cecchettin.

Dopo la condivisione, la serata è proseguita con il tradizionale canto della novena di Natale e la cena in convivialità. L’incontro è stato inoltre l’occasione di fraternità per i seminaristi in sede e fuori sede, che hanno festeggiato il recente accolitato (Tommaso), i due nuovi diaconi (don Andrea e don Claudio) e due compleanni (Paolo e Davide).

Davide Ambu

(Foto di Francesco Cara)

Ultime News

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma Mi chiamo Cristiano Pani, ho 21 anni e quest’anno ho terminato il biennio filosofico presso il Pontificio Seminario Romano Maggiore. In questi due anni che ho trascorso a Roma ho prestato servizio nella...

Andrea e Claudio: due novelli diaconi

Andrea e Claudio: due novelli diaconi

Andrea e Claudio: due novelli diaconi

Nella suggestiva cornice della Cattedrale di Cagliari, domenica 17 dicembre [2023], l’Arcidiocesi di Cagliari ha vissuto un momento di grande commozione e festa in occasione dell’ordinazione di due nuovi diaconi: don Giuseppe Andrea Pelgreffi e don Claudio Pireddu. La gioia e la partecipazione degli amici e familiari di Claudio e Andrea hanno pervaso la cerimonia di ordinazione, presieduta da S.E.R. Mons. Giuseppe Baturi, la quale ha rappresentato un’occasione di rinnovamento e impegno spirituale per la comunità ecclesiastica di Cagliari.

È proprio la gioia, come dono definitivo e duraturo, ad essere stato il richiamo battente della celebrazione. L’arcivescovo Mons. Baturi ha, infatti, sottolineato più volte nell’omelia la responsabilità del cristiano nell’annunciare e testimoniare la gioia cristiana. Essa non è legata, però, al possesso di beni effimeri, quanto invece alla presenza fedele del Signore, proprio per questo è un dono possibile sempre, anche nelle difficoltà. Oberando il fatto che il Risorto riscatta l’umanità dal nulla e dall’assurdo, scrivendo l’ultima parola sul destino dell’uomo, testimoniare la gioia non avrebbe alcuna credibilità. «La vita sarebbe assurda senza la nascita di un Dio che è penetrato come uomo nella nostra storia per farne un cammino, talvolta doloroso e talaltra pieno di allegria, verso una meta di eternità. La gioia di quel Dio-Bambino riscatta la vita dalla tentazione dell’insensato».

Oltre che dono, la gioia è, dunque, una responsabilità, che deriva dalla coscienza del cristiano di essere mandato a rendere testimonianza al Signore che porta gioia, verità e vita. In quest’ottica si comprende meglio il richiamo dell’Arcivescovo alla figura esemplare di Giovanni Battista, che «venne come testimone per dare testimonianza alla luce» (Gv 1,7). La vera testimonianza va, infatti, oltre le attività esterne, piuttosto deve rispondere alle domande fondamentali sulla propria identità, speranza, verità e amore che guidano la vita.

Questa profondità è la strada percorribile su cui aprire un dialogo con il mondo ferito degli uomini, dei giovani in particolare, che grida una domanda di senso: «che vuol dir questa / Solitudine immensa? Ed io che sono?» (Canto notturno di un pastore errante dell’Asia, G. Leopardi). Giovanni, dunque, rende vera testimonianza in quanto afferma la sua identità di inviato. La verità e la credibilità della sua parola stanno nella coscienza che la sua identità è un Altro da sé che deve far conoscere con un modo di vivere che non ha altro significato che preparare la Sposa all’incontro con lo Sposo (Gv 3,29).

La comunità tutta del Seminario Arcivescovile di Cagliari non può che unirsi all’augurio e alla preghiera dell’Arcivescovo, che Claudio e Andrea possano vivere il diaconato con consapevolezza per essere reali ministri della Luce: «Nell’annuncio della Parola di Dio, nel servizio alla mensa del Signore, nella diaconia della carità, siete inviati agli uomini per far conoscere e comunicare il Signore nel quale si compie ogni promessa di gioia, di verità, di vita. Non abbiate altra ragione e sarete persone liete che annunciano la vera letizia».

Alberto Caocci

Ultime News

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma Mi chiamo Cristiano Pani, ho 21 anni e quest’anno ho terminato il biennio filosofico presso il Pontificio Seminario Romano Maggiore. In questi due anni che ho trascorso a Roma ho prestato servizio nella...

Un dono alla Chiesa: Tommaso è accolito

Un dono alla Chiesa: Tommaso è accolito

Un dono alla Chiesa: Tommaso è accolito 

La terza domenica di Avvento è giornata classica per l’Almo Collegio Capranica per il conferimento dei ministeri. L’invito alla gioia e il colore rosaceo hanno accompagnato anche quest’anno la celebrazione eucaristica serale durante la quale Tommaso Congiu è stato istituito accolito, insieme ad Alessandro, alunno della Diocesi di Ivrea.

La preparazione a questa tappa formativa ha evidenziato il fondamento battesimale dei ministeri istituti, da intendersi come un dono del Risorto alla Chiesa, più che come dono al singolo. È proprio questo che attesta San Paolo in Ef 4,11: “Ed è lui che ha donato [alla Chiesa] alcuni come apostoli, altri come profeti, altri come evangelisti, altri come pastori e maestri” (traduzione letterale). Inoltre, il dono non consiste tanto nell’abilitazione ad un compito (come la distribuzione dell’Eucarestia) o nell’attribuzione di una qualifica, ma in una persona: il Risorto dona alla Chiesa un nuovo accolito (non dona l’accolitato alla persona). Tommaso dunque è come il “dono natalizio” che la Chiesa riceve in questo giorno di gioia.

La liturgia, vissuta dalla comunità del Collegio insieme alle famiglie degli istituiti accoliti e i parroci delle parrocchie di pastorale, è stata presieduta da S.E.R. Mons. Luis Marín de San Martín (Sottosegretario del Sinodo dei Vescovi e Vescovo titolare di Suliana).

L’omelia articolato il tema della gratitudine, richiamando che il cristiano è colui che dice grazie al Signore non solo con le labbra ma con la vita. Il messaggio centrale si è focalizzato sulla figura del Natale come manifestazione di Dio che si fa piccolo. Citando le parole di Papa Francesco, Mons. Luis ha sottolineato l’importanza dell’umiltà nel comprendere il Verbo incarnato, che per Sant’Agostino è la via primaria per raggiungere cristo. La riflessione poi ha approfondito il significato dei ministeri nella Chiesa, sottolineandone la dimensione battesimale e laicale volta all’umiltà e al servizio. Nell’esplorare il significato del ministero dell’accolitato, Mons. Luis ha accentuato la connessione tra servizio all’Eucarestia e adorazione: l’accolito è stato dipinto come colui che si nutre di ciò che contempla, grazie al legame profondo con l’amore di Cristo nel Santissimo Sacramento.

E così, Cagliari vive un lieto «momento di Chiesa» con il dono di un nuovo accolito; a Tommaso l’invito a fare dell’Eucarestia il faro per il suo cammino verso il ministero ordinato e l’incoraggiamento a vivere con gioia questo ministero di servizio.

Davide Ambu

(Foto da Almo Collegio Capranica)

Ultime News

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma Mi chiamo Cristiano Pani, ho 21 anni e quest’anno ho terminato il biennio filosofico presso il Pontificio Seminario Romano Maggiore. In questi due anni che ho trascorso a Roma ho prestato servizio nella...

Il Seminario festeggia la sua Patrona

Il Seminario festeggia la sua Patrona

Il Seminario festeggia la sua Patrona 

Come è risaputo, l’8 dicembre ricorre la festa dell’Immacolata Concezione di Maria, patrona del Seminario. Per festeggiare questa ricorrenza il 7 sera abbiamo celebrato la Santa Messa con tutta la famiglia del seminario in cui il Rettore, don Roberto ha ricordato che: “c’è un dono di Dio che precede l’azione dell’uomo, una bellezza che offre e che siamo chiamati a custodire e accogliere: un progetto di bellezza e salvezza che in Maria è compiuto, per questo la chiamiamo Tota Pulcra! Dio ci ha pensato, non siamo frutti del caso, ci ha chiamato a una relazione con Lui”.

Alla fine della celebrazione abbiamo passato un momento di convivialità e festeggiamenti insieme con l’arcivescovo mons. Baturi, il vicario generale mons. Caschili e tutti i collaboratori del seminario con le loro famiglie.

Giacomo Pisano

Ultime News

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma

Due anni di pastorale a Sant’Ugo: la mia esperienza a Roma Mi chiamo Cristiano Pani, ho 21 anni e quest’anno ho terminato il biennio filosofico presso il Pontificio Seminario Romano Maggiore. In questi due anni che ho trascorso a Roma ho prestato servizio nella...

Incontro di Natale con l’Arcivescovo

Incontro di Natale con l’Arcivescovo

Incontro di Natale con l’Arcivescovo 

Venerdì 22 dicembre 2023 alle ore 18:30, presso il Seminario Arcivescovile di Cagliari, si terrà il consueto incontro di Natale con l’Arcivescovo, S.E.R. Mons. Giuseppe Baturi.

L’appuntamento si inserisce nel percorso annuale formativo come seconda tappa della serie di incontri sul tema delle relazioni. La riflessione e la condivisione verterà sul tema degli affetti e sarà accompagnata dalla lettura personale e dal confronto sul testo “I quattro amori” (The four loves) di C.S. Lewis.

Ultimi Eventi

Corpus Domini cittadino

Corpus Domini cittadino

Corpus Domini cittadino Domenica 02 giugno 2024 alle ore 19:00, presso la Parrocchia S. Eusebio di Cagliari, la...